Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

venerdì 5 giugno 2015

IL PARLAMENTO EUROPEO ACCOGLIE LA PETIZIONE DEL V.E.O.S.P.S.S. CONTRO LE ORGANIZZAZIONI JIHADISTE ISLAMICHE IN DIFESA DEI CRISTIANI

Con una lettera ufficiale a firma Cecilia Wikström, Presidente della Commissione per le petizioni, datata 2 giugno 2015, il Parlamento Europeo dichiara ricevibile la petizione fatta dal V.E.O.S.P.S.S. contro le organizzazioni jihadiste islamiche, iniziando un fattivo rapporto di collaborazione.

Cecilia Wikström
Con una lettera ufficiale, datata 2 giugno 2015, protocollo N. 309372, il Presidente per le petizioni del Parlamento Europeo, Cecilia Wikström, ha comunicato al Gran Priore dell’Ordine, Fra Riccardo Bonsi, che la petizione inviata dal V.E.O.S.P.S.S. in data 24 marzo 2014 contro le organizzazioni jihadiste islamiche, in particolare contro il gruppo estremista nigeriano Boko Haram (petizione N. 0704/2014), e finalizzata a fermare il massacro dei Cristiani da parte degli integralisti islamici, è stata dichiarata ricevibile, in quanto le questioni sollevate rientrano nell’ambito di attività dell’Unione Europea.
La Commissione ha preso atto delle osservazioni fatte dal V.E.O.,S.P.S.S. nella petizione e provvederà a trasmetterle alla Commissione Parlamentare per gli Affari Esteri.
Il Presidente per le petizioni ha inoltre allegato alla lettera la risoluzione 2014/2729/RSP, approvata dal Parlamento Europeo in data 17 luglio 2014. 
La sede del Parlamento Europeo a Bruxelles
Siamo di fronte ad un’altra grande vittoria per l’Ordine”, commenta il Gran Priore, Fra Riccardo Bonsi, “Con questo atto abbiamo gettato ufficialmente le basi per una cooperazione concreta e fattiva con il Parlamento Europeo per fermare l'assurdo massacro di Cristiani che gli estremisti jihadisti islamici stanno perpetrando nel mondo.
Ora ci troviamo di fronte a responsabilità ancora più grandi, perché dobbiamo attivarci concretamente per aiutare chi sta rischiando la vita solo perché è Cristiano.
Gli estremisti jihadisti, veri e propri esseri immondi, vanno fermati con ogni mezzo e noi siamo pronti a supportare il Parlamento Europeo.
L'ho detto più volte e lo ripeto: siamo ormai di fronte ad un preciso tentativo di colpire ed annientare la civiltà cristiana.
Desidero ringraziare il Presidente per le petizioni, la Dr.ssa Cecilia Wikström, per la fattiva collaborazione e assicuro sin d'ora l'appoggio totale al Parlamento Europeo in questa battaglia per la sopravvivenza della cristianità.
Alea iacta est, ora il dado è tratto".

Il V.E.O.S.P.S.S. non finisce mai di stupire

La Redazione

Testo approvato del 17 luglio 2014 - 01

Testo approvato del 17 luglio 2014 - 02

Testo approvato del 17 luglio 2014 - 03

Testo approvato del 17 luglio 2014 - 04








mercoledì 3 giugno 2015

DALLE MEMORIE DI FRA SANDRO COPPOLA VINCIGUERRA: LA CORTE DEI MIRACOLI 3

Riceviamo e pubblichiamo una lettera del Gran Priore Vicario del V.E.O.S.P.S.S., Fra Sandro Coppola Vinciguerra.

LA CORTE DEI MIRACOLI 3

Fra Sandro Coppola Vinciguerra
"Far parte di un Ordine Cavalleresco Templare come il V.E.O.S.P.S.S., legittimo discendente della gloriosa Paupera Militia Christi, è essere estremamente duro ed impegnativo.
Non siamo acqua fresca né una conventicola, occorrono doti di fermezza, onestà, spirito di sacrificio ed umiltà. 
Ciononostante, tanti ci provano. 
Ora, in virtù di quanto sopra esposto, accade sovente nel nostro Ordine che su sei Cavalieri o Dame che entrano, tre vengano estromessi o si autoescludano.
La percentuale non e' casuale. 
Anche la fine che fanno i tre rientra nella norma: cercano di riciclarsi in gruppi pagliacceschi, a volte ottenendo in cambio titoli tanto altisonanti quanto ingannevoli, fanno qualche foto e qualche cena, ma quando arriva il conto cominciano a litigare fra loro. 
I poverelli non si rendono conto di essere solo "truppa pagante", il cui unico scopo e' soddisfare la famelicità di qualche improbabile "Gran Maestro", che di grande ha solo le fauci, o di qualche sedicente "Principe", che gestisce in realtà solo un gruppo di guitti.    
Ciò e' già accaduto ed accadrà sempre.
In compenso, noi siamo ecologici, perché non sprechiamo nulla: i nostri scarti vengono normalmente fagocitati dai maiali, che si ingrassano sempre di più, però ...........
Già, c'è un però, perché c'è sempre un macellaio che li osserva compiaciuto...............".

Fra Sandro Coppola Vinciguerra

La Redazione

lunedì 1 giugno 2015

FRA GIANNI BERRINO ELETTO CONSIGLIERE REGIONALE IN LIGURIA

Il Cavaliere del V.E.O.S.P.S.S. è stato il più votato nella lista di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale, lista che sosteneva il neo-Presidente eletto Giovanni Toti.

Fra Gianni Berrino
Alla fine ce l'ha fatta.
Gianni Berrino, dopo essersi candidato a Sindaco di Sanremo (elezione persa con onore nei confronti dell'attuale Sindaco Alberto Biancheri), si è candidato al Consiglio Regionale della Liguria sempre nelle file di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale.
Questa volta, però, i risultati sono stati ben diversi.
Gianni Berrino, avvocato sanremese di spicco e Cavaliere del Venerabilis  Equester Ordo sacri Principatus Sancti Sepulchri - V.E.O.S.P.S.S. è stato eletto Consigliere regionale in Liguria, risultando il più votato in assoluto dei candidati in Liguria del suo partito, il quale sosteneva la lista che ha visto trionfare il neo-Presidente Giovanni Toti.
Fra Gianni, che non nasconde la soddisfazione di essere l'unico sanremese eletto nel Consiglio regionale ed il più votato nel suo partito, ha detto " Spero di portare a Sanremo tutto quello che questa città non ha avuto negli ultimi dieci anni.
Ora mi concentrerò sullo sviluppo delle infrastrutture, del turismo, della floricoltura e della piccola-media impresa".
Fra Gianni Berrino
E, aggiungiamo noi, sicuramente Fra Gianni si adopererà per lo sviluppo della cultura, tema per lui sempre molto importante.
"Desidero fare al Fratello Gianni i miei più vivi complimenti, sia a titolo personale sia a nome dell'Ordine", ha commentato il Gran Priore dell'Ordine, Fra Riccardo Bonsi, il quale ha proseguito dicendo "Sono sicuro che sarà un grande Consigliere regionale in grado di attuare profondi cambiamenti per il bene della Liguria e il V.E.O.S.P.S.S. appoggerà il Fratello Gianni in ogni sua iniziativa propositiva, volta sempre al bene dei cittadini e per la salvaguardia dei diritti delle persone".

Allora non ci resta che dire: buon lavoro, Fra Gianni!

La Redazione 

Fra Gianni Berrino



"EMOZIONI AL BICKNELL" A BORDIGHERA CON LA PARTECIPAZIONE DEL V.E.O.S.P.S.S.

Sabato 30 maggio 2015 una delegazione dei Cavalieri Bianchi di Seborga ha partecipato alla manifestazione organizzata per valorizzare il famoso museo bordigotto.

Il pubblico alla manifestazione "Emozioni al Bicknell"

Sabato 30 maggio, a partire dalle ore 17.30, gli Amici del Museo Bicknell di Bordighera hanno organizzato una manifestazione denominata "Emozioni al Bicknell", volta alla presentazione del
La delegazione del V.E.O.S.P.S.S.
progetto del nuovo accesso del Museo e la valorizzazione del giardino e dei suoi alberi monumentali, realizzato dagli architetti Alessandro Liotta e Aldo Panetta, artefici già del restauro della Chiesa di Sant’Ampelio sempre di Bordighera.
La giornata, patrocinata dal Comune di Bordighera e magistralmente organizzata da Marina Redolfi Tezzat, con la collaborazione di Valerio Moschetti e della Dr.ssa daniela Gandolfi, è stata allietata dal gruppo musicale dei "Musikos", anche loro felici di sostenere questa iniziativa di grande valore culturale che mira a rilanciare il bellissimo Museo, creato nel 1888 dall'eclettico religioso anglicano Clarence Bicknell, insigne matematico, esperantista, naturalista ed archeologo, e oggi arricchito dai numerosissimi e preziosi volumi che costituiscono il "Centro Nino Lamboglia".
Gli architetti Aldo Panetta e
Alessandro Liotta
Il Museo Bicknell è anche mondialmente famoso per le sue piante secolari, veri e propri "Monumenti naturali" che impressionano per la loro imponenza.
Il V.E.O.S.P.S.S. ha partecipato con una delegazione composta dal Gran Priore dell'Ordine, Fra Riccardo Bonsi, dal Gran cerimoniere, Sorella Myriam Ferretti, e dal Consigliere del Collegio di disciplina, Sorella Silvia Spaziani.
"Siamo felici di aver partecipato ad una così importante iniziativa e di aver potuto contribuire anche economicamente, pur nel nostro piccolo, per cercare di rendere realtà il bellissimo progetto degli architetti Alessandro Liotta e Aldo Panetta", ha commentato il Gran Priore.
"Dove c'è cultura e arte c'è il V.E.O.S.P.S.S., perché riteniamo che sia importante valorizzare questi veri e propri gioielli italiani.
Il Museo Bicknell rappresenta un vero patrimonio non solo per Bordighera e la Liguria, ma per il mondo intero. 
La visita al Museo è stata una vera e propria sorpresa sia all'esterno sia all'interno e sicuramente torneremo con una visita ufficiale dell'Ordine.
Desidero ringraziare Marina Redolfi Tezzat e Valerio Moschetti per la splendida giornata", ha concluso il Gran Priore.

La Redazione

La targa a Clarence Bicknell

L'interno del museo

L'interno del museo

da sx a dx: Nicoletta Valesini, leader dei "Musikos", e Marina Redolfi Tezzat

I "Musikos"

Fra Riccardo Bonsi e Sorella Silvia Spaziani

Il pubblico

Il pubblico

La facciata del museo

Le famose piante secolari

Le piante secolari

Le piante secolari

Il manifesto della manifestazione