Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

giovedì 13 agosto 2015

ADDIO GIANCARLO, NON TI DIMENTICHEREMO MAI

La notizia della morte improvvisa del fondatore e storico batterista dei Matia Bazar e caro amico, Giancarlo Mugnai Golzi, ha provocato stupore e grande emozione nei Fratelli e nelle Sorelle del V.E.O.S.P.S.S.

Giancarlo Mugnai Golzi

"Addio, Giancarlo, non ti dimenticheremo mai. 
I nostri progetti non si sono potuti avverare, ma sono sicuro che il tuo grande talento non sarà mai dimenticato".
Queste le parole del Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S., Fra Riccardo Bonsi, dopo la notizia della morte improvvisa, forse a causa di un infarto, di Giancarlo Mugnai Golzi, nella sua villa di Bordighera.
Fondatore e storico batterista dei Matia Bazar, Giancarlo, nato a Sanremo il 10 febbraio 1952, ma abitante a Bordighera, era molto amato dai bordigotti e dai ponentini liguri per la sua semplicità e la sua grande disponibilità.
Nel mese di gennaio 2015, Giancarlo era entrato in contatto con il Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S. per una serie di progetti da attuare e subito era nata una sincera amicizia ed un grande rispetto reciproco.
Nei prossimi mesi, Giancarlo avrebbe dovuto partecipare ad una manifestazione patrocinata dall'Ordine ed avrebbe dovuto ricevere il Diploma Honoris Causa del V.E.O.S.P.S.S. per la sua eccezionale carriera musicale.
"Dovevamo già consegnare il diploma a Giancarlo nel mese di Febbraio e c'eravamo dati appuntamento nella nostra Grangia di Sanremo al Grand Hotel & des Anglais dopo il Festival della Canzone Italiana di Sanremo.
Poi, impegni di lavoro hanno fatto slittare la consegna nei mesi di settembre o ottobre, ma questo non potrà avvenire. 
Per questo motivo, abbiamo deciso di consegnare egualmente il diploma a Giancarlo, simbolicamente, per ricordare un grande musicista ed un grande uomo", conclude il Gran Priore.
La notizia ha creato grande emozione nel mondo della musica e moltissimi fan stanno ricordando Giancarlo Mugnai Golzi sui profili dei vari social network.

La Redazione