Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

martedì 2 febbraio 2016

IL V.E.O.S.P.S.S. AL FIANCO DI DON PASQUALE TRAETTA PER IL SUO INSEDIAMENTO UFFICIALE A PARROCO DI AIROLE

Una delegazione dell'Ordine ha accompagnato Don Pasquale Traetta nella sua prima celebrazione ufficiale come Parroco di Airole.

Don Pasquale Traetta con la delegazione dell'Ordine

Domenica 31 gennaio una delegazione del V.E.O.S.P.S.S. - Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis, guidata dal Gran Priore dell'Ordine, Fra Riccardo Bonsi, e con la presenza di numerosi Dignitari, ha accompagnato la prima celebrazione ufficiale di Don Pasquale Traetta nella Chiesa parrocchiale dei Santi Filippo e Giacomo di Airole.
La Chiesa parrocchiale di Airole
Una Santa Messa diversa dal solito, molto particolare, quella celebrata da Don Pasquale, ricca di emozione e di commozione.
La Chiesa, gremita in ogni parte (erano presenti oltre duecentocinquanta fedeli), ha ospitato anche una nutrita delegazione di fedeli di Coldirodi, località dove Don Pasquale è stato Parroco per ben venticinque anni.
Visibilmente emozionato, dopo una predica toccante e assolutamente fuori dagli schemi, fatta seduto sui gradini in mezzo ai bambini, Don Pasquale ha invitato le due comunità di fedeli di Airole e Coldirodi a collaborare tra loro, effettuando una sorta di gemellaggio per le manifestazioni religiose importanti.
Don Pasquale ha poi esortato i Membri del V.E.O.S.P.S.S. a sostenere questa particolare forma di cooperazione religiosa, trovando la massima disponibilità da parte dell'Ordine.
La celebrazione della Santa Messa
Dopo la celebrazione dell'Eucarestia (molti i volti commossi ed in lacrime, compreso Don Pasquale) e terminata la celebrazione della Santa Messa, i convenuti si sono recati nei locali antistanti la Chiesa dove la comunità di Airole ha offerto un delizioso rinfresco.
Prima della Santa Messa, il Sindaco di Airole, Fausto Molinari, ha consegnato a Don Pasquale la chiave del Paese, quale simbolo di benvenuto e di ferma volontà di collaborazione.
"Una giornata altamente emozionante", ha commentato il Gran Priore dell'Ordine, "Don Pasquale ha toccato i cuori di tutti noi, emozionandoci e regalandoci momenti di intensa spiritualità.
La predica di Don Pasquale
L'Ordine ha subito accettato la proposta di collaborazione di Don Pasquale e del Sindaco di Airole, per cui ora dovremo svolgere, e ne siamo ben lieti, un doppio lavoro: da una parte non abbandoneremo la comunità dei fedeli di Coldirodi che ci ha sempre accolto in maniera meravigliosa, dall'altra inizieremo a collaborare con gioia con la comunità dei fedeli di Airole e con il Comune", ha concluso il Gran Priore.
"Sono sicuro che anche ad Airole faremo grandi cose, in piena sinergia con Don Pasquale e con il Sig. Sindaco", ha aggiunto il Segretario Generale dell'Ordine, Fra Alessio Rossi, "ma sicuramente non dimenticheremo i Collantini"
Durante il rinfresco, il Gran Priore Fra Riccardo Bonsi ha donato, a nome dell'Ordine, a Don Pasquale un antico libro di preghiere del 1755 quale segno di ringraziamento per la sua opera pastorale.

La Redazione
La delegazione del V.E.O.S.P.S.S.

La celebrazione dell'Eucarestia

La celebrazione dell'Eucarestia

I fedeli

La delegazione dell'Ordine

L'uscita dalla Chiesa

Fuori dalla Chiesa

Fuori dalla Chiesa

Il rinfresco

Il rinfresco

L'interno della Chiesa