Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

mercoledì 21 settembre 2016

Il V.E.O.S.P.S.S. esce allo scoperto e annuncia la sua missione spirituale: avversare e combattere le sette religiose e sataniche, i gruppi estremisti integralisti religiosi e terroristici e ogni forma di aggregazione segreta per preservare la civiltà cristiana

Viviamo in un periodo buio, privo di ideali, di valori morali e spirituali e di punti di riferimento: per questo è necessario intervenire per preservare la nostra civiltà cristiana.

Il V.E.O.S.P.S.S. - Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis, l'Ordine laico templare di ispirazione cistercense, regolarmente registrato in Italia in forma associativa con atto pubblico e presso l'Agenzia delle Entrate, esce allo scoperto e attraverso i Membri del Gran Consiglio, Gran Priore in testa, ci rivela la sua missione spirituale:

Considerando che stiamo vivendo un periodo buio, privo di ideali, di valori morali e spirituali e di punti di riferimento, e che la nostra millenaria civiltà cristiana è sempre più in pericolo, con la presente il Gran Consiglio del V.E.O.S.P.S.S. - Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis, interpretando il pensiero di tutti i suoi Membri, comunica che l'Ordine prende le distanze, avversa, combatte e sempre combatterà ogni setta religiosa, cristiana e non, ogni forma di setta satanica, gruppi estremisti terroristici, gruppi integralisti religiosi e ogni altra forma di aggregazione segreta, incluso i gruppi massonici deviati.
Viviamo momenti difficili, in cui Satana sta sferrando un violento attacco.
Il Mondo intero è pervaso da una assurda cecità e il nostri luoghi più cari, Seborga su tutti, stanno vivendo questo attacco.
Noi vigiliamo e sempre vigileremo per segnalare e combattere l'avanzata del maligno.
La nostra istituzione è costituita da laici cristiani, fedeli convinti e vivi credenti.
Appena ci accorgiamo di anomalie ci premuriamo di segnalarle, ma non sempre è facile, perché il male si insinua e spesso confonde le menti anche dei più "esperti", gli "addetti ai lavori" che per primi dovrebbero vigilare e combattere il male.
Sono trascorsi 44 anni da quel 29 giugno del 1972, festa degli apostoli Pietro e Paolo, quando Papa Paolo VI parlò del nemico di Dio per antonomasia dicendo: "Attraverso qualche fessura il fumo di Satana è entrato nella Chiesa". 
E oggi? Beh, quel fumo è sempre più forte e si diffonde .........
Padre Gabriele Amorth, il noto esorcista deceduto alcuni giorni or sono, ha pubblicamente raccontato un episodio che deve fare riflettere; quando incontrò per la prima volta Padre Pellegrino Ernetti, celebre monaco benedettino esorcista che ha esercitato per quarant’anni a Venezia, Padre Amorth gli disse: "Se potessi parlare con il Papa gli direi che incontro troppi Vescovi che non credono nel demonio". 
Il pomeriggio seguente Padre Ernetti tornò da Padre Amorth per riferirgli che al mattino era stato ricevuto da Giovanni Paolo II. 
"Santità", gli aveva detto, "c’è un esorcista qui a Roma, Padre Amorth, che se venisse da lei le direbbe che conosce troppi Vescovi che non credono nel demonio". 
Il Papa gli rispose, senza mezzi termini: "Chi non crede nel demonio non crede nel Vangelo".
L'Ordine proclama la sua devozione a Gesù Cristo ed alla Vergine Maria e si pone come paladino della Cristianità.
Il demonio non prevarrà!
Per signum Crucis de inimícis nostris libera nos, Deus noster.
C.S.P.B. - C.S.S.M.L. - N.D.S.M.D. - V.R.S. - N.S.M.V. - S.M.Q.L. - I.V.B.

La Redazione