Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

martedì 4 ottobre 2016

Domenica 2 ottobre il V.E.O.S.P.S.S. nell'Abbazia di Ferrania per l'apertura del museo diocesano e la benedizione ufficiale della statua rivestita in oro della Madonna Miracolosa dell'Ordine

Doppio impegno per il V.E.O.S.P.S.S. nell'Abbazia dei Santi Pietro e Paolo di Ferrania.

Domenica 2 ottobre una delegazione del V.E.O.S.P.S.S. - Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis, guidata dal Gran Priore dell'Ordine, Fra Riccardo Bonsi, si è recata nell'Abbazia dei Santi Pietro e Paolo di Ferrania per l'apertura del museo diocesano.
Dopo la Santa Messa, celebrata dall'Abate Generale dell'Ordine, Fra Don Massimo Iglina, la delegazione ha visitato il nuovo allestimento museale, apprezzando i meravigliosi reperti contenuti.
Al termine della visita, l'Abate Generale ha officiato il rito della benedizione della statua della Madonna Miracolosa dell'Ordine, una splendida statua rivestita d'oro, donata al V.E.O.S.P.S.S. dal Priore di Francia, Fra Richard Tirole.
La statua ha già ricevuto le benedizioni nella Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme, nella Basilica dell'Immacolata Concezione del Santuario a Lourdes e nella Cattedrale di Notre-Dame a Parigi ed ora, per concludere, la benedizione nell'Abbazia di Ferrania.
Il V.E.O.S.P.S.S. nei prossimi mesi organizzerà una "Peregrinatio Mariae" e porterà in pellegrinaggio la statua nelle grange dell'Ordine e in diversi luoghi religiosi.
Ancora una giornata ricca di cultura e spiritualità per i Membri dell'Ordine.

La Redazione





domenica 2 ottobre 2016

Grande successo per la serata organizzata in onore del poeta e scrittore Gino Iorio a Seborga con la partecipazione del Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S.

La serata, magistralmente organizzata dall'agriturismo "Monaci Templari", ha visto protagonisti il grande poeta e scrittore casertano e il Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S., Fra Riccardo Bonsi.

Poesia, filosofia e tanta storia templare nella bellissima serata organizzata dall'Agriturismo Monaci Templari che si è tenuta sabato 1° ottobre e che ha visto protagonisti il grande poeta e scrittore Gino Iorio e il Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S., Fra Riccardo Bonsi.
In un meraviglioso alternarsi di storia e poesia, lo scrittore casertano, reduce da una visita alla città di Asti, dove ha ritirato il prestigioso premio "Vittorio Alfieri" alla carriera ed il premio "La Stampa" per il suo romanzo "La casa di Tonia", ha incantato gli ospiti recitando alcune poesie, ricche di lirismo e di intensa spiritualità.
Alla presenza di un prestigioso parterre, composto anche da esponenti del mondo della cultura, da autorità e dai vertici del glorioso Ordine dei Templari, il V.E.O.S.P.S.S. - Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis, Gino Iorio ha illustrato il suo percorso umano ed artistico ed ha manifestato la sua grande passione per il mondo templare.
A saziare la curiosità del poeta campano ha provveduto il Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S. il quale ha esposto, in maniera affascinante, la storia dei Poveri Soldati di Cristo, dalla loro nascita ai giorni nostri, e il vero e indissolubile legame esistente tra l'Ordine e Seborga.
Lirismo poetico, filosofia, diritto canonico e storia, si sono alternati, creando un'atmosfera decisamente unica e affascinante che ha letteralmente rapito i partecipanti.
Al termine della conferenza, il Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S. ha donato al poeta il Tau rosso dell'Ordine a ricordo del bellissimo incontro.
"Ancora una volta", ha commentato il Gran Priore del V.E.O.S.P.S.S., "dobbiamo ringraziare il vicesindaco di Seborga, Flavio Gorni, e l'Agriturismo Monaci Templari per aver organizzato una splendida serata di elevato spessore culturale, dimostrando che Seborga non è luogo di solo folklore, ma anche terra  di storia vera e di cultura".

La Redazione