Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

Non Nobis Domine, Non Nobis, Sed Nomini Tuo Da Gloriam

mercoledì 24 maggio 2017

Il forziere dei Templari e l'albero di Nagasaki: una giornata di gioia e di pace nell'Agriturismo Monaci Templari

Alla presenza della rappresentante ufficiale dell'UNICEF, del Parroco di Seborga, dell'Assessore alla cultura e alla pubblica istruzione di Vallecrosia e della delegazione del V.E.O.S.P.S.S., 240 bambini hanno lanciato un messaggio di pace al mondo.


Ancora una volta l'Agriturismo Monaci Templari di Seborga, Grangia del V.E.O.S.P.S.S. è diventato protagonista con un'iniziativa che riempie i cuori di gioia e di speranza.
240 bambini hanno messo nel forziere dei Templari i loro messaggi di pace e poi i veri Templari del V.E.O.S.P.S.S. - Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis lo hanno seppellito.
Il forziere, che ora contiene un vero tesoro, perché fatto dai bambini, verrà disseppellito tra 5 anni, esattamente il 25 maggio 2022.
I bambini hanno poi piantato l'albero della pace, proveniente direttamente da Nagasaki.
Questi due gesti, simbolici, ma di grande impatto emotivo, hanno lanciato, grazie alla presenza dei bambini, un fortissimo messaggio di pace al mondo.
Molto toccante il discorso fatto dalla rappresentante ufficiale dell'UNICEF, Colomba Tirari, in una giornata dove il ricordo delle giovani vittime di Manchester era vivo e presente nei cuori di tutti.
Il parroco di Seborga, Don Apollinaire, ha infine benedetto i presenti.
Presente alla giornata anche l'Assessore alla cultura e alla pubblica istruzione del Comune di Vallecrosia, Monica Barra.
Fra Flavio Gorni e Sorella Emanuela Rebaudengo, membri dell'Ordine, hanno ancora una volta fatto centro: grazie a loro i presenti hanno vissuto una giornata di gioia e di pace.
Questa giornata ha voluto anche farci ricordare che i bambini sono il nostro futuro e che mai nessuno deve osare toccarli, perché essi sono il bene più prezioso dell'umanità.

La Redazione











Attentato terroristico a Manchester: noi continuiamo ad accogliere islamici e loro ammazzano i nostri figli. E non prendeteci in giro con la storia degli islamici moderati.

Basta con il buonismo, basta con la storia ipocrita dell'islam moderato, basta con questa assurda invasione di massa programmata, basta, basta, basta: siamo stufi! Riprendiamoci la nostra civiltà.


Ci risiamo.
A Manchester si è rivelata la crudeltà dell'islam: 22 morti e oltre 100 feriti.
Ora però hanno toccato i nostri figli, hanno massacrato persone inermi.
Li hanno cercati, li hanno aspettati, li hanno massacrati, senza pietà, perché questi islamici non conoscono la pietà, perché questi esseri immondi incarnano il male assoluto.
E questi sono i lupi solitari, gli indottrinati radicalizzati che agiscono da soli.
Cosa succederà quando l'esercito di islamici che ormai ci ha invaso e che sta crescendo giorno dopo giorno deciderà di agire? 
Cosa sarà di noi quando la supremazia islamica sarà una realtà in Europa?
Saranno così remissivi come ora lo siamo noi?
Accoglienza e integrazione, due parole che stanno distruggendo la nostra civiltà cristiana, due parole che stanno giustificando il massacro dei nostri figli.
Tutto questo è vergognoso, è mostruoso, è assurdo.
Ma intendiamo continuare a dire che il mondo islamico non è questo?
E' il mondo islamico che sta foraggiando l'ISIS, anche se poi firma accordi con Trump per combattere il terrorismo, manifestando la più spudorata sfacciataggine e ipocrisia.
Se questi paesi arabi "moderati" vogliono realmente combattere il terrorismo, se veramente non c'entrano con l'invasione islamica programmata in Europa, allora inizino ad accogliere gli immigrati islamici e lascino respirare l'Europa, facciano azioni concrete, non la solita manfrina ricca di ipocrisia e di finto buonismo.
Ma lo vogliamo capire che stiamo per soccombere?
Ci rendiamo conto che siamo impotenti davanti a tutto questo?
Ma soprattutto, ci decidiamo a voler scovare tutti i complici europei (politici in testa e poi mafie, affaristi, ecc.) che sono complici di questa invasione islamica?
Ora hanno iniziato a massacrare i nostri figli, vogliono tarpare il futuro della nostra civiltà cristiana, e noi zitti, fermi, inermi.
Ricordate: NON TUTTI GLI ISLAMICI SONO TERRORISTI, MA TUTTI I TERRORISTI SONO ISLAMICI.
In nome di Dio, fermiamoli o sarà la fine

La Redazione